Roma, a Villa Borghese concerto per piano suonato dalle api

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Settembre 2015 9:53 | Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2015 9:53
Roma, a Villa Borghese concerto per piano suonato dalle api

L’installazione di Alessandro Liborio

ROMA – Un concerto per pianoforte suonato da centomila api: è quello che l’artista Alessandro Librio presenterà a Villa Borghese a Roma dal 18 al 20 settembre. Qui, al Parco dei Daini, dalle 11 alle 15 verrà presentata l’installazione “Music for the Queen” che emanerà il suono prodotto dallo sciame di insetti sulle corde scoperte di un pianoforte a coda.

Come spiega Valentina Bruschi sul Messaggero, 

“Posta al centro di un labirinto botanico, composto da piante mellifere, progettato dall’architetto paesaggista Francesco Fornai, l’opera di Librio, fa parte di un ciclo iniziato l’anno scorso con “Studio n. 1”, un’installazione audio-visiva. L’opera è documentata da due fotografie al collodio umido che inquadrano un pianoforte, immerso in un paesaggio naturale, le cui corde scoperte sono “suonate” da uno sciame di api attraverso le vibrazioni per “simpatia”, fenomeno acustico presente in natura.

Per questa occasione, l’artista ha fatto realizzare una cupola geodetica, che richiama lo schema geometrico dell’alveare, sotto la quale ha posto un pianoforte a coda. Lo strumento musicale, oggetto costruito dall’uomo e simbolo della nostra cultura, viene messo a contatto con 100.000 api che interagiranno con le sue corde. Il suono scaturito da questa interazione e dal volo dello sciame umanizza l’insetto con l’obbiettivo di ribaltare il nostro punto di vista antropocentrico.

Nei tre giorni di apertura, alle ore 11.00 e alle 15.00, musicisti e performers, tra cui Ornella Cerniglia, Giuseppe Burgarella, Matteo Gallesi, Lelio Giannetto, provvisti di apposite tute da apicoltore, interagiranno con l’installazione, realizzando due happenings al giorno. L’ultimo giorno alle 15, lo stesso artista, Alessandro Librio, ha ideato una performance basata sul testo, “Nine Lectures on Bees”, tratto dalle conferenze tenute nel 1923 a Dornach in Svizzera dal fondatore dell’antroposofia, Rudolf Steiner”.