Roma, aggredì carabiniere dopo Lazio-Eintracht: arrestato “Il gigante” degli Irriducibili

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Dicembre 2019 8:20 | Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre 2019 9:01
Roma, aggressione a carabiniere dopo Lazio-Eintracht: arrestato ultras Lazio

La tifoseria della Lazio (foto ANSA)

ROMA – Arrestato dai carabinieri e dalla polizia un ultras laziale di 25 anni, conosciuto come “Il gigante”, ritenuto responsabile di aver lanciato oggetti contro un carabiniere, in particolare scagliandogli contro un bidone dell’immondizia, a dicembre scorso a Trastevere dopo la partita Lazio-Eintracht Francoforte. Identificati altri 8 appartenenti al gruppo ultras degli “Irriducibili“, responsabili di aver violato le disposizione sul Daspo.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma e gli agenti della Digos hanno eseguito un’ordinanza che dispone gli arresti domiciliari per il 25enne, già noto alle forze dell’ordine. L’indagine è scattata dopo l’episodio che si è verificato il 13 dicembre 2018 quando un gruppo di tifosi italiani, dopo l’incontro di Europa League Lazio-Eintracht Francoforte, si era recato nel quartiere Trastevere per rintracciare ed aggredire tifosi tedeschi, rapinandone uno. Giunta sul posto una pattuglia di Carabinieri della Stazione di Roma Trastevere notò i tifosi laziali e un carabiniere fu bersaglio di un fitto lancio di oggetti rimanendo ferito alla testa.

Il 25enne è ritenuto responsabile di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate e uso di strumenti atti a rendere difficoltoso il riconoscimento. Eseguite perquisizioni a Roma e in provincia nei confronti dell’arrestato e di altri 8 ragazzi, tifosi della Lazio, in relazione alla violazione del daspo. Perquisita, secondo quanto scrive Il Messaggero, anche la casa di uno speaker radiofonico. Le indagini sono state condotte dalla Digos e dai carabinieri della compagnia Trastevere. 

Fonte: ANSA.