Roma, Andrea Tripodi e un settantenne investiti in un’ora

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 febbraio 2015 14:20 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2015 14:20
Roma, Andrea Tripodi e un settantenne investiti in un'ora

Roma, Andrea Tripodi e un settantenne investiti in un’ora

ROMA – La città più pericolosa d’Europa per i pedoni. Due morti in un ‘ora solo ieri, martedì 3 febbraio: Andrea Tripodi, 34 anni, ucciso a Talenti, e un settantenne senza documenti a Vigna Murata. Benvenuti a Roma. Si concentra qui il 7% dei pedoni uccisi in tutta Italia e il 10% dei feriti.

Tripodi è stato travolto nel tardo pomeriggio di martedì in via Luigi Capuana da una trentenne alla guida di una Seicento. La donna è ricoverata in ospedale in stato di choc. Solo 60 minuti dopo ad un incrocio in via Fonte Meravigliosa un uomo di 70 anni è stato investito da un’utilitaria ed è morto sul colpo.

Solo in queste prime settimane del 2015 le vittime sono una dozzina, a cui si aggiungono quelle nell’hinterland e sul litorale, come la coppia di anziani travolta e ammazzata da un giovane ad Ostia.  Nel 2013 i pedoni investiti e uccisi sono stati 39, contro i 14 di Milano e gli 11 di Napoli, spiega Rinaldo Frignani sul Corriere della Sera. Nel 2012 erano stati 56, nel 2009 63.

5 x 1000

Le cause, scrive Frignani, sono soprattutto incroci pericolosi, strisce pedonali non osservate, marciapiedi impraticabili perché pieni di auto parcheggiate o di buche. A rischio soprattutto le strade ad alto scorrimento come la Cristoforo Colombo, la Salaria, la Nomentana, l’Appia, la Flaminia, la Cassia, la Casilina e la Togliatti.