Roma, anziano segregato e picchiato per 4 anni da una 41enne

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 agosto 2015 10:54 | Ultimo aggiornamento: 6 agosto 2015 12:21
Roma, anziano segregato e picchiato per 4 anni da una 41enne

Foto d’archivio

ROMA – Da quattro anni teneva segregato un anziano di 77 anni maltrattandolo e derubandolo della pensione. La polizia ha notificato a una donna italiana di 41 anni la misura cautelare del divieto di dimora nel comune di Roma e il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dall’uomo. La 41enne è accusata di maltrattamenti e lesioni. L’uomo, vedovo, aveva fornito ospitalità alla donna, accogliendola nella sua abitazione dopo che era stata cacciata da casa della madre. La 41enne ha poi attuato un piano per appropriarsi della pensione dell’anziano e dell’abitazione assegnata dall’Ater (Azienda territoriale per l’edilizia residenziale).

Aveva tentato anche di farlo dichiarare incapace di intendere e di volere, cercando dei medici che potessero attestare inesistenti disturbi psichiatrici ma, non riuscendo nel proprio intento, aveva segregato l’anziano in casa, lasciandolo da solo per l’intera giornata, abbandonato nel letto, dal quale non poteva nemmeno scendere perché munito di alte sponde metalliche di contenimento.

L’anziano, oltre a essere denutrito e ad aver subito violenze psicologiche e furti, doveva sopportare le aggressioni fisiche della donna che lo picchiava con un bastone, gli dava pugni e unghiate e gli sbatteva la testa contro le piastrelle quando, una volta ogni due giorni, lo infilava nella doccia, lasciandolo lì anche per lungo tempo. Per due volte la donna è stata costretta a portare l’anziano in ospedale, a causa delle ferite che lei stessa gli aveva inferto.