Roma, autista bus aggredito. Frullo (usb Atac): “E’ il risultato del disservizio. Dietro c’è qualche lobby che…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 aprile 2018 15:56 | Ultimo aggiornamento: 17 aprile 2018 15:56
roma atac aggressione

Roma, autista bus aggredito. Frullo (usb Atac): “E’ il risultato dei disservizi e dell’abbandono”

ROMA – Michele Frullo (Usb Atac) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano – Dentro la notizia”, condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, per parlare dell’aggressione all’autista della linea N5 picchiato da tre ragazzi a Roma.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

“Da qualche anno a questa parte il servizio non riesce a funzionare come dovrebbe per una città come Roma –ha affermato Frullo-. Non funziona perché da anni non si investe sul trasporto pubblico. Siamo in una situazione molto pesante perché c’è un concordato aperto che ha bloccato parecchi finanziamenti e parecchie spese dell’azienda. Per colpa del parco mezzi vetusto e dei guasti che tutti i giorni si presentano, su strada c’è un servizio carente e quei pochi che rimangono in circolazione rischiano di essere malmenati, aggrediti. L’ultimo il collega che ieri sera è stato trascinato dal posto guida da alcuni balordi. Noi lo diciamo da anni che il posto guida dovrebbe essere chiuso. Ci dispiace anche perché è avvenuto a due passi da Piazza Navona, che di solito è sempre presidiata dalle forze dell’ordine. Questo fa capire ancora di più il nostro senso di impotenza, perché se succede questo nel centro di Roma figuriamoci in periferia”.

“Parecchi hanno proposto di far diventare un pubblico ufficiale l’autista – ha continuato Frullo – ma noi non vogliamo autisti-poliziotti, il problema non si risolve dando una sanzione maggiore a chi ci picchia, il problema si risolve evitando che l’autista venga picchiato. Purtroppo Atac è stata abbandonata da Alemanno ad oggi, compresa quest’amministrazione che ha aperto il concordato e dunque si è congelato tutto finchè non si pronunceranno i giudici. Se non arrivano tanti mezzi nuovi difficilmente si riesce a dare un servizio alla cittadinanza. Qualcuno poi ha interesse ad aiutare le lobby di piacere che vogliono privatizzare Atac. Lasciare il servizio inefficiente dà la spinta ai cittadini per votare sì alla privatizzazione al referendum, non ricordando che c’è già un servizio privato: la Roma tpl dove gli autisti vengono comunque picchiati e il servizio non è certo all’altezza. C’è un’informazione che dice che Atac è piena di fannulloni e assenteisti, cosa non vera. Si continua a sparare a zero e a far ricadere queste problematiche sui lavoratori”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other