Roma blindata. Ambasciata Usa: “Non andate al Colosseo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Novembre 2015 13:54 | Ultimo aggiornamento: 22 Novembre 2015 14:07
Roma blindata: metal detector al Colosseo, pattuglie sui bus

Roma blindata: metal detector al Colosseo, pattuglie sui bus

ROMA – Metal detector al Colosseo, pattuglia anche sugli autobus, 2 mila agenti dispiegati da lunedì… Roma blindata in vista del Giubileo (al via tra 2 settimane) e allarmata dal terrorismo.

Paura e prudenza, rafforzate anche dagli inviti delle ambasciate dei paesi stranieri a tenersi lontano da Roma e dai luoghi più sensibili come Colosseo e San Pietro. “I tour operator americani, la grandi compagnie di navigazione, quelle delle crociere, hanno preso immediatamente in considerazione l’invito dell’ambasciata. Molti stanno disdicendo pacchetti già acquistati o prenotati – racconta il soprintendente Francesco Prosperetti – tanto che ci stanno arrivando richieste di restituzione del biglietto d’ingresso al monumento e all’area archeologica, di cui stiamo valutando la reale legittimità”.

I grandi tour operator americani incidono per oltre il 20 per cento sugli arrivi di turisti al Colosseo e al Foro Romano, quindi è probabile che ci sarà una flessione in negativo degli ingressi ai nostri monumenti, “ovviamente per la Soprintendenza non è davvero una bella notizia, visto che il Colosseo è il monumento maggiormente visitato e produce maggior ricavi”, conclude Prosperetti. Intanto però, la città si prepara al Giubileo con una serie di provvedimenti importanti.

Metal detector. “Da due giorni stiamo lavorando all’installazione di metal detector al Colosseo, esternamente al monumento”. Lo annuncia il soprintendente speciale per il Colosseo e l’area archeologica di Roma Francesco Prosperetti. “Stiamo operando per mettere i rilevatori metal detector per le persone e per le borse all’esterno del Colosseo, sul sedime di competenza comunale – spiega Prosperetti – Io credo che se teniamo lo stesso livello di sicurezza che è stato scelto per l’Expo non sbagliamo: cerchiamo di dare al Foro Romano e al Colosseo lo stesso livello di sicurezza che hanno avuto i visitatori dell’Expo. E lo facciamo noleggiando le medesime apparecchiature, che sono sul mercato. Faremo dei gabbiotti coperti, probabilmente di vetro, ci stiamo lavorando con degli architetti per realizzare un oggetto gradevole alla vista che permetta di provvedere all’esterno del Colosseo ad un efficace controllo”.

Pattuglie sui bus e più telecamere. “Tra pochi giorni vareremo un nuovo sistema di controllo sui mezzi Atac e su tutto il trasporto urbano. Saremo presenti sugli autobus con le nostre pattuglie”, annuncia il questore di Roma, Nicoló D’Angelo, durante la presentazione del piano sicurezza per il Giubileo.

Più pattuglie nelle periferie. “Accanto a nuove aree di servizio, è stato disposto l’incremento dell’attività di pattugliamento a partire dalle aree periferiche”, dice ancora il questore.