Roma, borseggiatrice rom arrestata: “Ho tubercolosi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Novembre 2015 15:06 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2015 15:06
Roma, borseggiatrice rom arrestata: "Ho tubercolosi"

Roma, borseggiatrice rom arrestata: “Ho tubercolosi”

ROMA – Gli agenti l’hanno fermata mentre stava borseggiando una turista e l’hanno arrestata. Solo allora la donna, una rom di 30 anni, ha dichiarato di avere la tubercolosi facendo scattare il b. La donna, che è incinta, proviene dal campo nomadi dei Castelli Romani ed è stata fermata la sera di sabato 7 novembre mentre tentava di strappare la borsa ad una turista alla fermata Barberini della metro A.

Alessia Marani sul Messaggero scrive che la donna era con una connazionale di 13 anni, che in quanto minorenne non può essere denunciata:

“La trentenne, appena fermata dai carabinieri in borghese della Compagnia Parioli guidata dal maggiore Massimo Pesa, forte del fatto di avere in tasca il certificato di un recente ricovero in relazione alla gravidanza, ha detto di essere affetta da Tbc, probabilmente per evitare una notte in carcere e intimorire i militari.

La donna è stata accompagnata per accertamenti al Policlinico Umberto I e i carabinieri che l’hanno arrestata avviati alla profilassi anti-tubercolosi stabilita dai protocolli sanitari. Il gup stesso si è recato in ospedale per il colloquio di convalida del fermo. Ma la diagnosi dei sanitari è stata netta: niente tbc e la trentenne è finita dritta a Rebibbia in quanto è risultata avere un cumulo di pene da scontare, sempre per reati predatori, di 10 anni e 4 mesi. La tredicenne è finita, invece, in un centro di primissima accoglienza”.