Roma centro: stop alcol tutto l’anno. Ira commercianti: “Regalo agli abusivi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Maggio 2015 13:22 | Ultimo aggiornamento: 4 Maggio 2015 13:22
Roma centro: stop alcol tutto l'anno. Ira commercianti: "Regalo agli abusivi"

Roma centro: stop alcol tutto l’anno. Ira commercianti: “Regalo agli abusivi”

ROMA – Roma centro: stop alcol tutto l’anno. Ira commercianti: “Regalo agli abusivi”. La proposta del Comune di Roma di rendere stabili tutto l’anno le limitazioni alla somministrazione di alcol nel centro di Roma ha scatenato l’ira dei commercianti. I quali sono preoccupati da un provvedimento che colpirebbe gli esercenti corretti favorendo invece quelli abusivi, che già si sfregano le mani e sui quali latitano controlli e misure adeguate.

La proposta di delibera renderebbe regolamento di polizia urbana il divieto di vendere alcolici da asporto dalle 22 alle 7, il divieto di consumo di alcolici in vetro per la strada dalle 22 alle 7, divieto di consumo dalle 24 alle 7 sulle strade, il divieto di somministrazione dalle 2 alle 7. Fabio Rossi su Il Messaggero dà conto delle ragioni dei commercianti e dei residenti (che invocano invece più controlli nei luoghi della rumorosa movida).

«Siamo assolutamente contrari – sottolinea Valter Giammaria, presidente di Confesercenti Roma – Con questi divieti, come insegnano anche le recenti esperienze, non si abolisce l’alcol delle strade, ma si favoriscono soltanto i venditori abusivi, che fanno affari d’oro praticamente indisturbati». Secondo Giammaria, «questo è un modo per aiutare ancora chi non paga le tasse, a danno dei commercianti onesti che già vivono un difficile momento di crisi».

Per bocciare il provvedimento «basta vedere quello che è successo il 1 maggio: alcol vietato nei negozi e venduto liberamente da ambulanti senza licenza», incalza Fabio Spada, leader romano di Fipe-Confcommercio. «Si tratterebbe dell’ennesimo atto che danneggia la libertà di tutto a causa del cattivo comportamento di qualcuno – spiega Spada – Le norme ci sono già: noi siamo disponibili a discutere con l’amministrazione alcune modifiche. Ma è assurdo che in una città come Roma si possa vietare di bere una birra di sera, in un bicchiere di plastica, a mezzo metro da chi la consuma legittimamente seduto a un tavolino all’aperto di un locale». (Fabio Rossi, Il Messaggero).