Roma, chiuso a Trastevere il bar San Calisto: troppi pregiudicati e disturbo della quiete pubblica

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 giugno 2018 9:34 | Ultimo aggiornamento: 29 giugno 2018 9:34
Roma, chiuso a Trastevere il bar San Calisto: troppi pregiudicati e disturbo della quiete pubblica

Roma, chiuso a Trastevere il bar San Calisto: troppi pregiudicati e disturbo della quiete pubblica

ROMA – Il questore di Roma ha ordinato la chiusura per tre giorni dello storico bar San Calisto a Trastevere.  [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Il provvedimento è stato notificato, ieri, dai militari della compagnia di Trastevere al proprietario, conosciuto da tutti come Marcellino. Disturbo della quiete pubblica e troppi pregiudicati, questa la motivazione.

Catalizzatore di centinaia di giovani e giovanissimi, il bar è un’istituzione, prezzi popolari e aria informale, qui si ritrovano turisti e anziani residenti, artisti e amanti del gelato. La sera è il posto più frequentato di Trastevere, qui ci si danno gli appuntamenti, qui si inizia o si finisce una serata in compagnia, quando magari le decine di bar e localini che spuntano come funghi nelle strade e nei vicoli adiacenti restano mestamente deserti.

Nel provvedimento vengono citati i numerosi episodi che hanno visto protagonista la zona nelle ultime settimane: in particolar modo il rave, organizzato nella piazza, avvenuto nella notte fra il 3 e il 4 giugno. Una festa che ha tenuto svegli i residenti per tutta la notte e che ha portato moltissime persone a chiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Ma in quell’occasione, come riportato da diversi testimoni, il proprietario del San Calisto, prese le distanze dagli organizzatori di quella festa illegale e, anzi, condannò l’iniziativa estemporanea, che era stata pubblicizzata sui social. (Marco Pasqua, Il Messaggero)