Roma/ Clochard si impicca all’inferriata di una chiesa in pieno centro, vicino l’Ara Pacis

Pubblicato il 30 Luglio 2009 17:04 | Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2009 17:25
443px-italiaromasanroccofacciata

La facciata della chiesa di San Rocco all'Augusteo, dove si è impiccato il clochard

Un uomo impiccato all’inferriata esterna della finestra di una chiesa al centro di Roma. Parrebbe avere i contorni del “giallo” ma con ogni probabilità è solo una tragedia della solitudine la morte di Ruggero I., 45 anni, il “clochard” originario di Barletta trovato cadavere fuori San Rocco all’Augusteo, in uno dei “triangoli” piu’ famosi e suggestivi della capitale, quello delimitato da via di Ripetta, piazza Augusto Imperatore e via Tomacelli, a poca distanza dall’Ara Pacis.

Il macabro rinvenimento è stato effettuato all’alba dell’altro ieri dai carabinieri che, avvertito il pm di turno ed eseguiti i rilievi del caso, hanno disposto la rimozione della salma. Al momento, tutto lascia propendere per l’ipotesi del suicidio, anche se le indagini potranno ritenersi chiuse solo quando saranno disponibili i risultati definitivi dell’esame autoptico.

Ad alcuni residenti del rione Campo Marzio Ruggero negli ultimi tempi avrebbe confidato di essere «preoccupato», soprattutto dopo che un gruppo di posteggiatori extracomunitari, abusivi come lui – in assenza di un altro “collega” – in qualche occasione lo avrebbero taglieggiato, minacciato, addirittura percosso. Un clima difficile, ostile, che in qualche misura potrebbe averne influenzato la scelta.