Roma, Cristi Popa condannato a 10 anni per lo stupro a Villa Borghese: incastrato dal Dna

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 aprile 2018 12:08 | Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2018 12:08
Cristi Popa condannato per stupro villa Borghese a Roma

Roma, Cristi Popa condannato a 10 anni per lo stupro a Villa Borghese: incastrato dal Dna

ROMA – Cristi Popa è stato condannato a 10 anni di carcere per lo stupro di Villa Borghese a Roma: incastrato dalle prove del Dna.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano e Ladyblitz in queste App per Android. Scaricate qui Blitz e qui Ladyblitz.

Una notte di botte e di violenza quella vissuta dalla sua vittima, una senza fissa dimora di 57 anni, che è stata trovata con ancora in mano i lacci con cui l’aggressore l’aveva immobilizzata. Cristi Popa, romeno di 25 anni, è stato condannato con l’accusa di essere uno stupratore seriale, scrive Adelaide Pierucci sul Messaggero, e le sue vittime il 4 aprile non erano in aula per la lettura della sentenza:

“Il pm Claudia Alberti, titolare dell’inchiesta, forte della prova del dna, aveva chiesto una condanna ancora più salata, 13 anni e 4 mesi. Eppure Popa è uscito con aria stizzita, dal processo in abbreviato e a porte chiuse che gli ha garantito uno pena scontata, fermo nella sua difesa: «Mai stato a Villa Borghese. Mai stuprato una donna. Le ho solo rapinate». Gli era capitato già in Romania.

È partendo dai dettagli di un altro stupro orribile che gli investigatori, erano risaliti a lui. Elisabeth viene abusata e rapinata dei 30 euro la notte del 18 settembre, Susy, una delle schiave del sesso sulla Salaria, nove giorni dopo. Stesse modalità. Le botte prima degli abusi, poi l’incaprettamento e l’imbavagliamento con gli abiti della vittima, e infine le minacce di morte. La ragazza viene ritrovata legata a un ombrellone. Servirà il ricovero anche per lei. Per lo stupro di una terza donna, una lucciola romena, l’inchiesta è ancora aperta. Popa finisce in carcere prima per le rapine e lo stupro di Susy. E poi viene raggiunto in carcere da un secondo ordine di cattura, per le violenze su Elisabeth. La soluzione del caso era arrivato dalla individuazione del profilo genetico dell’indagato sui lacci con i quali era stata legata la clochard tedesca, la prima delle quattro vittime del venticinquenne.

«Vivo a Roma da marzo», aveva raccontato la donna, assistita dall’avvocato Marco Misuraca, «di giorno girovago in centro e la notte dormo a Villa Borghese. Appena ho visto quel ragazzo avvicinarsi ho avuto subito paura. Mi ha preso per il collo e dopo una scarica di pugni mi ha reso inoffensiva. Dopo gli abusi mi ha imbavagliato e coi lacci delle scarpe mi ha legato le mani e i piedi. Poi ha continuato con atti di autoerotismo». Elisabeth non aveva avuto nemmeno il tempo di guardare in viso l’aguzzino. Non le venne chiesto il riconoscimento. La svolta era arrivata dagli accertamenti della Scientifica: dai lacci con cui la tedesca era stata legata era stato ricavato un aplotipo compatibile con il dna rintracciato nelle altre aggressioni: è la schedatura del ceppo maschile di una certa famiglia. E visto che Cristi era l’unico dei Popa rumeni in quel momento in Italia il cerchio si è stretto. Il difensore, l’avvocato Heacliff Chiodi dà per scontato il ricorso in appello: «Anche nell’omicidio di Amanda Knox era stato preso in considerazione un aplotipo…»”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other