Roma, Don Ernesto: il parroco che aiuta i rom costretto a chiedere aiuto perché minacciato dai…rom

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 novembre 2018 11:00 | Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2018 11:01
Roma, Don Ernesto: il parroco che aiuta i rom costretto a chiedere perché minacciato dai...rom

Roma, Don Ernesto: il parroco che aiuta i rom costretto a chiedere aiuto perché minacciato dai…rom

ROMA – Il parroco che aiuta i rom costretto a chiedere aiuto perché minacciato dai…rom. Don Ernesto assediato e minacciato. Il parroco che ha aperto le porte ai rom per la carità cristiana, ha dovuto chiamare i carabinieri per chiedere aiuto. Ormai infatti era un’invasione di nomadi da tutta Roma per ricevere dall’elemosineria apostolica 200 euro a semestre. Minacce e vessazioni continue che hanno costretto il parroco a interrompere il servizio.

Come riporta Leggo, una situazione esplosiva quella di Testaccio, nella comunità parrocchiale di Santa Maria Liberatrice. I fedeli sono pronti a difenderlo: “Nessuno tocchi Padre Ernesto – tuona Maurizio, 44 anni e una passione per il calcio in oratorio – i rom non devono più provare ad avvicinarsi qui. Siamo tutti uniti e non faremo sconti a nessuno”.

E ancora: “È la dimostrazione che certi tipi di persone non possono essere aiutate – incalza Elena – non ci si può scagliare contro la Chiesa e contro il suo parroco per pretendere denaro”. In effetti che la situazione sia tesa lo dimostrano anche le decine di cartelli affissi in parrocchia: “Avviso alle persone nomadi: le lettere per richiedere il sostegno economico sono sospese”. 

Una scelta, quella di sospendere il servizio, che ha mandato su tutte le furie i rom che ormai davano per scontati quei soldi. Qualcuno ha preso di mira Padre Ernesto, urlandogli in faccia minacce pesanti per la mancata “elemosina”. Ed è per questo che il prete, scosso e impaurito ha denunciato tutto.