Roma, emergenza buche. Virginia Raggi apre inchiesta su lentezza gare per i lavori

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 aprile 2018 20:48 | Ultimo aggiornamento: 12 aprile 2018 20:48
Virginia Raggi, inchiesta su gare per lavori emergenza buche Roma

Roma, emergenza buche. Virginia Raggi apre inchiesta su lentezza gare per i lavori

ROMA – Virginia Raggi ha disposto l’apertura di un’inchiesta interna per accertare il motivo della lentezza delle gare per i lavori stradali, quelle per la manutenzione e la riparazione delle buche.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Obiettivo della sindaca di Roma è verificare perché sia difficile trovare dirigenti e funzionari comunali disponibili a comporre le commissioni per aggiudicare le gare.

“Chi ha sbagliato deve pagare, è finita la pazienza, voglio una risposta da dare ai cittadini. Voglio sapere perché le commissioni non si riuniscono”, lo sfogo di Raggi. Tra le cause della mancato insediamento delle commissioni potrebbero esserci anche le nuove norme del codice degli appalti.

La piaga delle buche, in particolare dopo la neve e le precipitazioni degli ultimi tempi, si è allargata in città, insieme a quella delle voragini stradali. La mattina del 12 aprile, ad esempio, si è aperta una nuova voragine in via Flaminia all’altezza della scuola Gesù e Maria, con un tratto della strada chiuso al traffico. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia municipale, i tecnici dell’Acea e una ditta di manutenzione stradale del comune.

“C’era una piccola buca nei giorni scorsi – il racconto di un uomo – Avevano fatto dei sopralluoghi, evidentemente però hanno sottovalutato il problema. Credo che la voragine sia stata causata da un problema alla rete fognaria”. Solo qualche giorno in via Salaria, si erano aperte diverse buche ‘killer’, una delle quali più pericolosa che ha danneggiato diverse decine di auto. Il pronto intervento buche in questi casi è rapido e anche la nuova macchina tappa-buche è all’opera e visibile in città, ma quello di cui realmente si avverte la mancanza è una manutenzione corposa delle strade.

La lentezza nell’aggiudicare le gare lamentata da sindaca riguarderebbe soprattutto la manutenzione ordinaria di interi tratti delle principali arterie cittadina, da rifare integralmente. Raggi, in soldoni, vorrebbe imprimere uno sprint all’operazione Strade Nuove, già lanciata dal Campidoglio, affidando al più presto tutti i lavori previsti sulle strade della città.

“Dal momento che i ritardi nella riparazione delle strade producono un danno ai cittadini e mettono a repentaglio la sicurezza e l’incolumità di automobilisti e motociclisti, chiediamo alla Raggi di comunicarci gli esiti della sua indagine e i nomi dei funzionari coinvolti: provvederemo noi a denunciarli”, dichiara Carlo Rienzi, presidente del Codacons.