Roma, la badante piromane: fiamme nelle due case di un’anziana in pochi giorni

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 settembre 2014 10:47 | Ultimo aggiornamento: 9 settembre 2014 10:48
Roma, la badante piromane: fiamme nelle due case di un'anziana in pochi giorni

Roma, la badante piromane: fiamme nelle due case di un’anziana in pochi giorni

ROMA – La badante piromane ha infine confessato ai carabinieri: era stata lei ad appiccare le fiamme per ben volte, nelle due case, quella a Roma e quella al mare, dove aveva assistito la sua anziana, una donna di 81 anni.

Un impulso irrefrenabile, conseguenza di una depressione già riscontrata dagli psichiatri su richiesta della polizia.

E’ stata la badante, quindi, a dar fuoco a un appartamento in via Cava Aurelia, in zona San Pietro a Roma. Ha dato fuoco ad alcuni vestiti nella camera da letto dell’anziana da lei assistita, poi le fiamme si sono sviluppate a l’anziana ha gridato finchè qualche vicino non ha chiamato i soccorsi.

I pompieri hanno spento le fiamme, i medici hanno curato l’anziana e la badante che era con lei e la polizia ha indagato, insospettita soprattutto da una cosa: a fine agosto si erano “misteriosamente” sviluppate le fiamme anche nella casa al mare, a Cerenova, dove anziana e badante stavano passando l’estate.

Chiarita l’origine dolosa degli incendi, gli investigatori hanno chiesto una perizia psichiatrica sulla badante, una donna di 41 anni originaria di Reggio Calabria. Il risultato è che la donna viveva un forte disagio psichico. E’ stata denunciata per incendio doloso, l’anziana non è ferita gravemente.