Roma/ La Giunta comunale contro i tassisti: basta canotte e ciabatte. Una mozione impone indumenti consoni al servizio pubblico

Pubblicato il 17 Luglio 2009 12:40 | Ultimo aggiornamento: 17 Luglio 2009 12:40
tassisti_roma

Stop a ciabatte e canotte

Tassisti romani sempre sotto osservazione: stavolta è il Comune che cerca di imporre uno standard di galateo che limiti l’esibizione poco urbana di canottiere, ciabatte, calzoni corti ecc..

La mozione della Giunta decreta dunque lo stop a tutti quegli indumenti giudicati poco consoni all’esercio di un servizio pubblico. La categoria dovrà attenersi  al rispetto della decenza e del decoro richiesti.

La mozione del consigliere Maurizio Berruti (Pdl) è stata approvata dall’aula. Questo il Berruti pensiero: «Non dimen­tichiamoci – ha detto Berruti ­che il taxi è un servizio pubbli­co: sugli sportelli delle auto bianche è affisso il simbolo del Comune di Roma.

Il taxi è un biglietto da visita per i turisti: non possiamo permettere che gli stranieri in visita a Roma si­ano accompagnati da tassisti con la canotta dalla quale spun­ta il petto villoso».