Roma/ La zia la minacciava di abbandonarla. Così un suo amico drogava e stuprava la nipote minorenne

Pubblicato il 28 Luglio 2009 16:46 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2009 16:54

auto_polizia_webLa polizia di stato, grazie all’intervento degli assistenti sociali, ha messo termine ad una tragica storia di sevizie sessuali patite da una minorenne.

La ragazza, a seguito di un abbandono, era affidata alla zia materna, D. S. G. di 49 anni, che la manipolava psicologicamente, facendo leva sulla sua fragile situazione e sul suo bisogno d’affetto, affinché appagasse le richieste sessuali di un suo amico, P. F. di 62 anni. Quest’ultimo, durante le sue visite, drogava la vittima.

La giovane, stanca delle vessazioni sessuali, si è infine confessata con un assistente sociale. Subito è partita una segnalazione e la Polizia di Stato, dopo aver ottenuto inequivocabili riscontri, ha proceduto all’arresto dei due. Saranno processati con le imputazioni di cessione di sostanze stupefacenti e violenza sessuale a danno di minorenne.