Roma, Mattia morto a 14 anni investito: amici ridipingono le strisce pedonali “invisibili”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 Giugno 2020 10:38 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2020 10:38
Strisce pedonali ridipinte dagli amici di Mattia, il ragazzino travolto e ucciso

Strisce pedonali ridipinte dagli amici di Mattia, il ragazzino travolto e ucciso (Fonte ANSA)

ROMA – Mattia è morto a 14 anni travolto da un’auto a Roma mentre attraversava sulle strisce pedonali ormai diventate “invisibili“.

Gli amici di Mattia, dopo la tragedia, si sono armati di vernice e hanno ridisegnate quelle strisce pedonali sbiadite.

L’automobilista che ha investito il ragazzino nel quartiere Infernetto a Roma è un giovane di 22 anni, risultato positivo al test tossicologico.

Secondo quanto ricostruito, il guidatore percorreva la strada ad alta velocità e sotto l’effetto di droghe.

Per questo motivo, è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale.

Se anche le strisce pedonali fossero state visibili, dato lo stato del guidatore, forse non sarebbe comunque stato possibile salvare Mattia.

Vedere però i suoi amici con il rullo in mano, a ricolorare quelle strisce su cui il giovane è morto, è un’immagine forte e che stringe il cuore.

Strisce pedonali che il comune e il municipio avrebbero dovuto curare e ridisegnare.

I giovani rispondono al dolore per la perdita del 14enne armandosi di pennelli e vernice bianca, a riconquistare quello spazio.

Disegnano la speranza che quel che è accaduto a Mattia, il loro amico ucciso, non accada ad altri di loro.

Incidente Infernetto: la dinamica

Il ragazzino di 14 anni stava attraversando sulle strisce pedonali, quando secondo quanto riferito da alcuni testimoni “l’auto è arrivata come un missile”.

I compagni per festeggiare la fine della scuola, ma quando stavano per attraversare due suoi amici hanno visto l’auto arrivare.

Loro sono indietreggiati, ma l’amico è stato falciato ed è morto.

Mattia avrebbe compiuto 15 anni il prossimo ottobre. (Fonte: Leggo)