Il down più bravo della classe: la storia della maturità di Matteo, il disabile coi voti più alti della storia

Pubblicato il 21 luglio 2010 9:16 | Ultimo aggiornamento: 21 luglio 2010 9:16

Lui si chiama Matteo Racciatti, ha 20 anni ed è un ragazzo down ma soprattutto è stato il più bravo della classe con una maturità di 89 su 100. Matteo ha studiato al liceo Carducci di Roma, nella classe quinta A ed ora ha un sogno, “studiare biologia all’università per aiutare quelli come me”.

Matteo è arrivato a questo ottimo risultato dopo aver passato periodi un po’ più bui alle elementari e alle medie, fatti comunque di buoni profitti, poi l’escalation al liceo.

Ora quello che tutti si chiedono è se si tratta di un caso isolato o se c’è la possibilità che un ragazzo down possa ripetere la strada di Matteo, come se lui avesse tracciato una strada, un percorso di pomeriggio.

Ad aiutare Matteo nella sua marcia trionfale, come riporta Il Messaggero, ci sono state quattro persone, quattro donne. La mamma, Christine, inglese, che ha sempre incoraggiato il figlio ma che adesso ha il timora che all’università di Roma3, che offre ottime strutture per gli studenti disabili, ci possano essere stati dei tagli che in qualche modo potrebbero aver complicato il tutto.

Poi c’è Antonella Lorgia, la giovane psicologa che in tutti gli anni di liceo e non solo lo ha seguito in maniera metodica. L’altra donna è la preside del Carducci, Emilia Oppido, che addirittura pensava in un voto più alto di Matteo. Infine c’è Ilaria, la compagnia di classe a cui Matteo si è più affezionato, anche se in realtà tutti in classe gli vogliono bene e hanno sempre creduto in lui.

Tra le materie in cui Matteo si è espresso meglio c’è soprattutto la matematica, disciplina nella quale è stato in grado di risolvere teoremi e problemi molto difficili, riuscendo dove i suoi compagni non sono riusciti.