Roma, assalto notturno al Cinema America Occupato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Giugno 2013 20:20 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2013 15:24
Il Cinema America Occupato

Il Cinema America Occupato

ROMA – Un gruppo di militanti di Casapound, la notte tra mercoledì 11 e giovedì 12 giugno avrebbe aggredito a Roma gli occupanti del Cinema America, sala cinematografica dismessa che si trova nel quartiere storico di Trastevere, da alcuni mesi occupata da un gruppo di ragazzi. Il gruppo di estrema destra però,  con una nota diffusa giovedì 13 giugno, ha subito smentito di aver attaccato la struttura.

L’aggressione, raccontano gli occupanti, sarebbe avvenuta dopo un’iniziativa dei forum dell’Acqua Bene Comune che si era svolta nella vicina piazza di San Cosimato a cui avevano partecipato anche Stefano Rodotà e Ascanio Celestini: “Durante la notte tra mercoledì e giovedì, a seguito dell’iniziativa dei forum dell’Acqua Bene Comune in piazza San Cosimato, convocata per festeggiare i due anni dalla vittoria referendaria, un manipolo di militanti di Casapound ha assaltato il Cinema America Occupato”.

Verso le 2,00 di notte, gli attivisti di estrema destra avrebbero provato a colpire il cinema. Gli occupanti hanno raccontato di essere stati attaccati in due tempi: “Prima fuori dal cinema occupato, poi in una delle strade limitrofe”. 

“Prima hanno lanciato bottiglie e urlato minacce fuori dal Cinema America. A quel punto abbiamo deciso di reagire e si sono dati alla fuga. Hanno aspettato in una delle vie laterali per aggredire ancora alcuni ragazzi riconoscibili come di sinistra che passavano di là – ha raccontato uno degli occupanti – E’ stata un’azione premeditata, avevano con se bastoni, caschi per coprirsi la testa e oggetti da lanciare. In ogni caso abbiamo deciso per il momento di non sporgere denuncia”.

Secondo gli occupanti dell’ex cinema ” le aggressioni sono messe in atto in un periodo difficile per il Cinema America, in quanto tentano di farne una questione di ordine pubblico per facilitarne lo sgombero. Ci scusiamo con il vicinato per il chiasso in strada, che ovviamente non è dipeso da noi. Ringraziamo anche chi, svegliatosi nel cuore della notte e affacciatosi alla finestra, ha capito subito la situazione e ci ha aiutato”.

Il Cinema America si trova a Trastevere, uno dei quartieri più noti del centro storico di Roma anche per la movida notturna. L’occupazione nei prossimi mesi rischia di cessare. Al posto del vecchio cinema appartenuto anche al circuito delle sale di Cecchi Gori, dovrebbe infatti sorgere una palazzina con parcheggio interrato.

Casapound in una nota diffusa giovedì 13 giugno smentisce di aver attaccato il cinema. Spiega il gruppo di estrema destra: “Nessun ‘attacco’ al Cinema America Occupato. Siamo consapevoli che l’elezione di Ignazio Marino a sindaco di Roma darà la stura a una serie interminabile di farneticazioni tese a escludere dalla vita politica della città tutto ciò che è non conforme e che va contro il pensiero unico e la vulgata corrente, CasaPound in primis, ma questo certo non ci fa indietreggiare di un passo”.  Casapound Italia smentisce così le affermazioni degli occupanti della struttura di Trastevere e annuncia di “essere pronta a procedere legalmente contro chiunque si presti a questo squallido gioco, pubblicando notizie prive di ogni riscontro”.