Roma, movida violenta a Campo de’ Fiori: uomo picchiato e paura tra i residenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 gennaio 2014 10:24 | Ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2014 10:25
Roma, movida violenta a Campo de' Fiori: uomo picchiato e paura tra i residenti

Roma, movida violenta a Campo de’ Fiori: uomo picchiato e paura tra i residenti

ROMA – Risse, aggressioni, insulti e minacce di morte. Pochi controlli e tanto alcol che rendono la movida a Roma violenta, scatenando le paure dei residenti. Ultimo episodio di violenza gratuita è quello registrato sabato 4 gennaio a Campo de’ Fiori, dove un maresciallo dell’Esercito è stato brutalmente picchiato e minacciato di morte. Tre contro uno. Un pestaggio selvaggio senza motivo apparente.

Laura Bogliolo scrive su Il Messaggero:

“Roberto Giovannoni, 28 anni, insieme a due amici parcheggia sabato notte in un vicolo vicino via Vittorio Emanuele II. «Un ragazzo, vent’anni circa, ha iniziato a insultarci appena scesi dall’auto – racconta Roberto – ci seguiva e non appena arrivati a Campo de’ Fiori sono arrivati altri due suoi amici». Nella piazza nessuna forza dell’ordine, neanche una pattuglia dei vigili. «Dove andate? Fermatevi, vi ammazziamo» le minacce gridate dai tre «romani, giovanissimi»”.

Tre contro uno e senza motivo apparente:

“«Puzzavano di alcol» dice il maresciallo. I militari che stazionano davanti all’ambasciata francese intervengono, cercano di fermare l’aggressione. Il giovane viene medicato all’ospedale Fatebenefratelli: otto punti al volto. «I miei amici – aggiunge – sono dovuti fuggire in taxi: poco dopo sono arrivati in cinquanta, erano delle furie»”.

Viviana Di Capua, presidente dell’Associazione Abitanti Centro Storico, spiega:

“«Ci vuole un maggiore controllo, anche i vigili devono essere presenti. Quello che è successo è una vergogna». Ubriachi, spacciatori, bande impazzite di giovanissimi che affogano il sabato sera in shottini da pochi euro e birra venduta dagli ambulanti nei vicoli bui dell’antico Rione. Tra i residenti c’è chi parla di «bande di ragazzini che gridano tutta la notte e poi una nuova moda: lanciarsi bottiglie di birra»”.

Così Campo de’ Fiori è diventato una “scheggia impazzita”:

“«Campo de’ Fiori una scheggia impazzita nel cuore della capitale» così è stato ribattezzato dai residenti l’antico Rione, dove ancora impazza il pub crawling, il tour della bevuta gettonatissimo soprattutto tra gli studenti stranieri. Tempo fa per aumentare la sicurezza si parlò addirittura di telecamere con chip olfattivi capaci di «sentire» nell’aria forti concentrazioni di alcol. Sarebbe sufficiente, intanto, un maggiore controllo delle forze dell’ordine”

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other