Roma, radio per ascoltare la polizia nel campo rom degli stupratori

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 novembre 2017 10:31 | Ultimo aggiornamento: 8 novembre 2017 10:31
roma-radio-rom

Roma, radio per ascoltare la polizia nel campo rom degli stupratori

ROMA – Una radio per ascoltare la polizia nel campo rom degli stupratori. La scoperta durante il blitz dei carabinieri in via di Salone dove abitano gli stupratori delle due quattordicenni di Tor Sapienza. E in via Longoni, nel terreno delle violenze sessuali.

Dalle perquisizioni è saltato fuori uno scanner per ascoltare le comunicazioni delle forze dell’ordine. Una scoperta inquietante in uno degli insediamenti dei roghi tossici che il ministro dell’Interno Marco Minniti vuole combattere anche a Roma con l’Esercito, come ha scritto alla Commissione parlamentare d’inchiesta per la sicurezza e le periferie.

Come scrive Rinaldo Frignani per Il Corriere della Sera:

Lo spiazzo di via Longoni che costeggia l’American Hospital e il deposito Atac è una visione sconvolgente e vergognosa di degrado, abbandono, paura. Di giorno quiete carica di tensione, di notte l’inferno. Con un unico angolo di pace e ordine, che stona con tutto il resto: un piccolo altare poggiato sull’erba, nascosto fra i cespugli. Una tettoia protegge undici lumini votivi accesi. Le fiammelle mettono in risalto l’immagine di Padre Pio. Sacro e profano – più che profano – dove prostitute e viados si appartano con i clienti in minuscole baracche-alcova costruite negli angoli più remoti dello spiazzo. Ma ci sono anche materassi sparsi nella vegetazione. Uno è in cima a un’ex rampa di cemento. Da lì la vista offre discariche, sacchi della spazzatura, bombole di gas.