Roma, ragazza di 13 anni suicida. Aveva rubato soldi alla madre per un tablet

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 settembre 2014 11:45 | Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2014 11:45
Roma, ragazza di 13 anni suicida. Aveva rubato soldi alla madre per un tablet

Foto d’archivio

ROMA – Si risolve, almeno in parte, il mistero della ragazza di 13 anni che una settimana a Roma Trastevere fa si è tolta la vita, impiccandosi nella sua camera. Secondo gli inquirenti infatti la ragazza avrebbe rubato dei soldi alla madre per comprarsi un tablet.

“Ho fatto uno sbaglio, ti voglio bene. Volevo essere come tutti gli altri”. Queste le ultime parole scritte da Katia, la tredicenne capoverdiana che abitava insieme alla famiglia adottiva.

Michela allegri per Il Messaggero scrive:

Aveva litigato con la mamma, che aveva appena scoperto che la ragazzina possedeva oggetti che nessun familiare le aveva regalato. Un tablet, in particolare. Ma anche trucchi, un cellulare, qualche vestito griffato.

Oggetti che, secondo gli inquirenti, Katia potrebbe aver acquistato rubando, sottraendo soldi, forse, dal portafoglio della madre. Di fronte ai rimproveri dei genitori, invece di giustificarsi e di spiegare come si fosse procurata quel piccolo “tesoro”, la tredicenne si è rinchiusa nella sua stanza, ha scritto un biglietto d’addio e si è lasciata soffocare stringendosi una corda attorno al collo.

Inizialmente, il timore degli inquirenti era che gli oggetti preziosi che Katia custodiva fossero regali. Si temeva che la piccola frequentasse qualcuno deciso a “comprare” le sue attenzioni. Per fugare ogni dubbio, però, è necessario attendere i risultati completi degli accertamenti che la polizia postale sta effettuando, passando al setaccio il tablet e il computer della tredicenne.