Roma, ragazzine violentate: i due rom restano in carcere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 novembre 2017 11:16 | Ultimo aggiornamento: 6 novembre 2017 11:16
roma-ragazzine-violentate-rom

Roma, ragazzine violentate: i due rom restano in carcere

ROMA – Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere e restano in carcere i due rom accusati dello stupro di due 14enni avvenuto nel maggio scorso a Roma. Le due ragazzine avevano conosciuto uno dei due, Mario Seferovic, 21 anni, su un social network. L’atto istruttorio nel carcere di Regina Coeli è durato pochi minuti. Seferovic resta in cella assieme al complice Maikon Halilovic, 20 anni.

“Non ero lì, io sono innocente”. È quanto ha riferito Halilovic parlando con il suo avvocato Emanuele Fierimonte.

Seferovic perseguitava le vittime sui social. E, paradossalmente, in un primo momento è riuscito ad averla vinta. Le vittime infatti, come riporta Il Messaggero, possono portare come prova della violenza solamente le loro parole: “Non ci sono, infatti, certificati o referti medici (proprio perché le due minori hanno denunciato il fatto a distanza di un mese e senza recarsi prima in ospedale) che possano comprovare segni di stupro“.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other