Roma, il rapporto dei Vigili del Fuoco: “Viadotto della Magliana usurato”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 settembre 2018 12:55 | Ultimo aggiornamento: 11 settembre 2018 13:27
viadotto magliana roma

“Quel ponte a Roma è a rischio”. Spunta il rapporto segreto dei vigili del fuoco

ROMA – A quasi un mese dal crollo di ponte Morandi a Genova, al centro del dibattito sulla sicurezza dei ponti e viadotti sparsi sulla nostra Penisola, adesso entra anche Roma con un rapporto sulla situazione del viadotto della Magliana.

Come riporta in esclusiva Leggo, “alla luce di quanto rilevato è verosimile ipotizzare una significativa decadenza delle caratteristiche fisiche dei materiali, anche per effetto di fatica”. La frase è contenuta nella relazione scritta dai vigili del fuoco del comando provinciale di Roma in risposta alla nota prot. 35772 del 29 gennaio 2018 della prefettura della Capitale che richiedeva notizie circa la sicurezza della carrabilità del viadotto della Magliana.

Il viadotto della Magliana, scrive ancora il quotidiano online, soprattutto dopo la tragedia del Ponte Morandi, è stato al centro dell’attenzione proprio perché secondo una mozione presentata dal deputato Mancini del Pd era stato oggetto di un sopralluogo dei vigili del fuoco. Ebbene questo sopralluogo si è svolto effettivamente dal 12 al 15 marzo 2018. “La relazione non protocollata di cui Leggo è venuta in possesso, specifica che i vigili del fuoco si sono avvalsi anche di droni durante la tre giorni di indagine”.

Poi continua: “E mette in luce alcuni aspetti da chiarire rispetto alla sicurezza che offre oggi il viadotto della Magliana. Nella relazione si legge che durante i sopralluoghi sono stati rilevati fenomeni di dissesto evidenziati da alcuni elementi come il distacco delle soglie in materiale lapideo del parapetto e del piano viario in corrispondenza dei giunti. Ma i vigili del fuoco mettono il luce anche la forte ossidazione delle armature metalliche. Ma non basta. La parte conclusiva della relazione è ancora più netta”.

“Dalle informazioni in possesso dello scrivente Comando – conclude Leggo -, la vita di servizio dell’infrastruttura avrebbe superato di 20 anni il limite di 50 imposto dalla legislazione vigente. Nella missiva, inviata oltre che alla Prefettura anche al Ufficio di Gabinetto del Sindaco di Roma e al Municipio competente, si consiglia di avviare con ogni possibile urgenza un imprescindibile attività di verifica e monitoraggio dell’intera infrastruttura. Infine, l’ultimo consiglio: limitare il passaggio sul ponte della Magliana ai soli veicoli con massa a pieno carico non superiore a 3,5 tonnellate e limite di velocità a 50Km/h”.