Roma, percepivano reddito di cittadinanza: uno spacciava, l’altro vendeva ricambi d’auto in nero

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Febbraio 2020 9:21 | Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio 2020 9:29
Reddito di cittadinanza a Roma: uno spacciava, altro vendeva in nero

Reddito di cittadinanza a Roma: uno spacciava, altro vendeva in nero (Foto archivio ANSA)

ROMA – Entrambi percepivano il reddito di cittadinanza, perché dichiarati come disoccupati. La Guardia di Finanza però ha scoperto che i due indigenti a Roma avevano dei “lavori”. Uno spacciava cocaina, l’altro vendeva in nero e online ricambi di auto. Il primo è stato arrestato, l’altro è stato denunciato e ora i militari segnaleranno all’Agenzia delle Entrate la sua attività.

L’arrestato è stato trovato dai militari in possesso di 62 dosi di droga e 5700 euro in contati durante una perquisizione in un appartamento a Mezzocammino, quartiere di Roma.  L’uomo è stato arrestato e il reddito di cittadinanza gli è stato sospeso.

Gli agenti della Guardia di Finanza hanno inoltre smascherato un altro percettore di reddito di cittadinanza che faceva affari con la rivendita di ricambi auto on line conseguendo proventi in nero. I militari stanno ora ricostruendo il suo giro d’affari, allo scopo di segnalarlo all’Agenzia delle Entrate.

Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno interessato gli uffici dell’Inps per la revoca del beneficio e il recupero delle somme erogate indebitamente. I controlli della Gdf si inseriscono nel più ampio dispositivo di contrasto all’indebita sottrazione dal bilancio pubblico di risorse destinate alle fasce sociali più bisognose. (Fonte ANSA)