Roma, ruba un furgone e scappa da un controllo. La sua fidanzata era segregata dietro

Pubblicato il 12 ottobre 2009 16:22 | Ultimo aggiornamento: 12 ottobre 2009 18:20
poliza_municipale

Polizia municipale di Roma

Ruba un furgone e nasconde la fidanzata sotto choc nel vano posteriore. È successo a Roma sabato 10 ottobre: l’autore del furto è Alfredo Di Silvio di origine nomade. L’uomo è stato arrestato dopo un inseguimento compiuto dalla polizia municipale.

Di Silvio, 31 anni, è un tossicodipendente in cura al Sert del quartiere romano di Tor Bella Monaca: dopo aver “preso” il furgone ci ha messo la fidanzata di 27 anni che precedentemente aveva aggredito e ha cominciato a guidare. La donna ha per diverso tempo chiesto aiuto urlando, ma Di Silvio mentre guidava il mezzo ha cantato in napoletano a squarciagola per impedire che la gente ascoltasse le grida.

I vigili urbani si sono avvicinati al furgone per chiedere di spostarlo durante una sosta perché d’intralcio in strada: l’uomo a quel punto è scappato ed è stato inseguito da due volanti della municipale nei quartieri di Torre Angela e Torrenova.

A fermarlo è stato Maurizio Marra, scattante funzionario della municipale che lo ha placcato come si fa nel rugby dopo che l’uomo aveva abbandonato il furgone per continuare la fuga a piedi. I vigili hanno dovuto chiamare i pompieri per aprire il mezzo: solo a quel punto hanno scoperto la donna in evidente stato di choc.