Roma, sei auto Enjoy bruciate in pochi giorni. Terrorismo anarchico contro l’Eni?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 maggio 2019 10:03 | Ultimo aggiornamento: 14 maggio 2019 10:04
Roma, sei auto Enjoy bruciate in pochi giorni. Terrorismo anarchico contro l'Eni?

Roma, sei auto Enjoy bruciate in pochi giorni. Terrorismo anarchico contro l’Eni?

ROMA – In pochi giorni sono andate in fiamme sei vetture del car-sharing Enjoy a Roma. La procura, che sta indagando per danneggiamento, sta vagliando anche l’ipotesi che all’origine dei roghi ci sia la matrice terroristica. In particolare quella anarchica, a un anno dalla manifestazione di Milano in cui fu portato in corteo un cane a sei zampe, simbolo della società petrolifera, decapitato per protestare contro la politica del colosso energetico italiano in Libia, dove controlla e difende importanti pozzi e giacimenti.

Gli anarchici potrebbero aver mirato alle vetture del car-sharing per continuare l’offensiva contro l’Eni “le sue devastazioni e le sue guerre ” e contro la politica di “sfruttamento delle multinazionali verso Paesi come l’Africa.

“Il governo italiano finanzia i campi di concentramento in Libia e le milizie che li gestiscono, l’Eni e le altre imprese di bandiera cercano di preservare e allargare i loro affari, ricorrendo a qualunque signoria della guerra locale, jihadisti compresi”, si può leggere nei volantini e nei comunicati in rete degli anarchici in rivolta. (fonte Corriere della Sera)