Roma, spara a caso dalla finestra e ferisce uno studente: aveva 600 proiettili

Pubblicato il 12 Marzo 2010 12:05 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2010 12:06

Beretta

Ha fatto il tiro al bersaglio contro i passanti con una pistola Beretta calibro 4,5 mm fino a colpire un ragazzo di 15 anni che si trovava a Roma per una gita scolastica. L’uomo, 39 anni, è stato arrestato  dalla polizia e dovrà rispondere di lesioni dolose aggravate, ricettazione e porto abusivo di armi.

L’episodio è avvenuto giovedì 11 marzo a via Manin nel quartiere Esquilino. Al loro arrivo i poliziotti  hanno trovato il ragazzo seduto a terra con una ferita all’orecchio sinistro che è stata giudicata guaribile in 7 giorni. Grazie al racconto dei suoi compagni di scuola, gli agenti hanno individuato lo stabile da cui erano partiti i 4 colpi di pistola.  L’uomo si trovava  in un albergo in via Amendola. Nella sua stanza i poliziotti hanno trovato e sequestrato, nascosta nell’armadio sotto una coperta, una pistola Beretta calibro 4,5 e oltre 600 proiettili  nascosti poi dentro una valigetta.

La pistola, replica di una Beretta, è considerata di libera vendita, con l’unico obbligo del rivenditore di annotare su un apposito registro le generalità dell’acquirente; l’uomo ha raccontato di aver comprato la pistola in un armeria della capitale e che voleva provarla senza l’intenzione di colpire nessuno. Altri passanti, però, danno una versione diversa dell’accaduto e parlano di un vero e proprio tiro al bersaglio.