Roma, tenta suicidio tra le auto trascinando un cucciolo di cane svenuto

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 Agosto 2019 11:26 | Ultimo aggiornamento: 20 Agosto 2019 11:27
roma tenta suicidio col cane

Un’auto della Polizia di Roma Capitale (Ansa)

ROMA – La mattina di lunedì 19 agosto, un ragazzo italiano di circa 30 anni ha provato a lanciarsi sottol eauto in corsa in Via di Torbellamonaca per tentare un suicidio. Il giovane, probabilmente un tossicodipendente, trascinava al guinzaglio un cucciolo di cane svenuto a causa di un colpo di calore.

La scena è stata vista da una pattuglia del gruppo Sicurezza Pubblica Emergenziale del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale che è intervenuta immediatamente mettendo in sicurezza sia la persona, sia l’animale. I vigili urbani hanno anche impedito che le auto continuassero a frenare sbruscamente per evitare di investire il giovane e il suo cane. 

Nel corso delle operazioni, il ragazzo si è accasciato in terra anch’egli svenuto. A questo punto è intrenuta un’ambulanza che ha portato il ragazzo al policlinico di Tor Vergata.

Le ragioni del gesto restano al momento sconosciute. Il cucciolo, un meticcio di circa sei sette mesi è stato immediatamente soccorso dagli agenti: ora è in attesa di essere inserito all’interno di una delle strutture convenzionate con il Comune di Roma. 

Sulla vicenda è intervenuto il sindacato Ugl, che in una nota del Coordinatore Romano Marco Milani ha elogiato la tempestività degli agenti di Roma Capitale, chiedendo che finalmente venga riconosciuto loro la funzione “multiruolo”. I vigili urbani di Roma infatti, secondo Milani sono “sempre più impegnati in attività di contrasto alla criminalità comune, sgomberi, controllo dei campi nomadi e trattamenti sanitari obbligatori”. 

 Fonte: Il Messaggero