Roma Termini, minaccia multa da 180 euro, poi chiede “contributo” per i volontari che puliscono la stazione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 febbraio 2018 10:46 | Ultimo aggiornamento: 1 febbraio 2018 10:46
A Roma Termini ora c'è chi chiede contributi per i volontari dopo aver minacciato la multa

Roma Termini, minaccia multa da 180 euro, poi chiede “contributo” per i volontari che puliscono la stazione

ROMA – Prima minaccia una multa da 180 euro, poi chiede “contributo” per i volontari che puliscono la stazione ferroviaria di Roma Termini. Siamo all’ultimo colpo di creatività truffaldina dei questuanti di elemosine. Non la banale e indisponente richiesta dei rom: ho fame, mangiare mangiare, mangiare bambino e varianti. Nè la più complessa truffa dello specchietto o del rolex.

Ma un modo per dare sostanza alla richiesta, collegandola a un presunto lavoro. A pulire la stazione ci pensano squadre di addetti di qualche cooperativa o azienda appaltatrice.

Succede tutte le sere fuori della stazione di Roma Termini, sul lato sinistro del capolavoro architettonico di Pierluigi Nervi, lato via Marsala, dove il genio dell’assessorato al traffico ha ridotto ulteriormente lo spazio non solo per la sosta ma anche per il semplice carico e scarico di passeggeri in partenza o in arrivo.

Hanno creato un mini parcheggio a pagamento, dove solo i disperati si rassegnano a entrare. Appena uno può, si ferma accanto al marciapiede che costeggia e limita lo spazio a pagamento, salendo con le due ruote di destra sul marciapiede per non ostacolare il passaggio sulla stretta quanto intasata strada.

Si avvicina un giovanotto di bell’aspetto, bussa al finestrino e dice al conducente seduto freddoloso in attesa:

“Lei non può sostare qui. La multa è di 180 euro. Le ho rilevato la targa. La multa le arriverà a casa”.

Il giovane ha un aspetto pulito, quasi rassicurante. Indossa una di quelle stravaganti tute arancione, tipo quelle che in America sono indossate dai carcerati. Oggi vanno molto fra varie categorie, dai “volontari” della Protezione civile agli stradini ai portantini delle ambulannze. I vigili urbani hanno optato per una versione blu.

L’automobilista distratto dai suoi pensieri guarda perplesso il personaggio. Una multa di 180 euro per divieto di sosta? E quando mai? Poi questo cambia tono:
“Scherzavo, non si preoccupi. Sono un volontario, pulisco la stazione. Volevo chiederle un contributo”.

Il finestrino sale precipitosamente. Sul buon cuore prevale l’istinto. E se quest’uomo fosse non solo un imbroglioncello ma uno scippatore, pronto a afferrare borsellino o portafoglio di chi li prende di borsa o tasca per un gesto di generosità?

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other