Roma Trastevere, lavori su Ponte Palatino: traffico in tilt

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Novembre 2015 12:54 | Ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2015 12:54
Roma Trastevere, lavori su Ponte Palatino: traffico in tilt

(Foto d’archivio)

ROMA – Un’altra, ennesima giornata di caos nel traffico e nei trasporti di Roma. Tutto per dei lavori al ponte Palatino, a Trastevere. Questi lavori hanno mandato in tilt la circolazione, provocando lunghe code (più lunghe del solito) sul lungotevere degli Anguillara all’altezza dell’Isola Tiberina. Il Ponte Palatino è stato chiuso in direzione di via Petroselli, cioè da Trastevere al Centro storico. Nelle stesse ore la linea B della metropolitana aveva ritardi e treni soppressi per un “guasto”.

E questo è accaduto proprio in orario di punta, alle 8 di mattina di un martedì ovviamente lavorativo. Molte le auto e le moto rimaste incolonnate: per percorrere il tratto di lungotevere da Prati a Piramide ci voleva più di un’ora, quasi quattro volte il tempo che ci vuole normalmente. Nonostante il caos, la centrale operativa della municipale faceva sapere che “il cantiere non può essere rimosso perché le ruspe sono in azione e si scava sul ponte”.

OSTIA-FIUMICINO – Eppure i problemi non finivano lì. Un tamponamento a catena in via dell’Aeroporto ha causato rallentamenti tra Ostia e Fiumicino. Una donna che stava andando in bicicletta al lavoro è rimasta coinvolta nell’incidente ed è stata ricoverata in ospedale.

METROPOLITANA – Non è andata meglio a chi ha optato per i mezzi pubblici. Ancora ritardi sulla linea B della metropolitana. La causa: “indisponibilità treni per guasto”, scrive Atac sul proprio sito. Gli ultimi disagi alla stessa linea risalgono a solo dieci giorni fa. Era il 26 ottobre e sei treni su 23 erano rimasti fermi per guasti. Solo quattro giorni prima, il 22 ottobre, altri problemi, che avevano interrotto la circolazione dei treni, e una settimana prima un guasto aveva costretto i passeggeri di un treno della metropolitana ad uscire in galleria e a percorrere al buio i corridoi per tornare in superficie.