Roma, usava il taxi per spacciare cocaina a finti clienti: arrestato 39enne

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 Aprile 2020 12:39 | Ultimo aggiornamento: 2 Aprile 2020 12:40
Taxi, Ansa

Roma, usava il taxi per spacciare cocaina: arrestato 39enne (foto Ansa)

ROMA – Usava il suo taxi per spacciare cocaina.

Con quest’accusa un romano di 39 anni, con precedenti, ieri pomeriggio, quindi mercoledì 1 aprile, è stato arrestato a Roma dai carabinieri, in via Romano Guerra, in zona Massimina, insieme a un 33enne che si è finto passeggero per acquistare dosi di cocaina che molto probabilmente non erano solo per uso personale.

I carabinieri in transito, raccontano le cronache, nel corso di un servizio di pattuglia nel territorio, hanno notato l’auto bianca con insegna taxi in sosta sul ciglio della carreggiata e un uomo che è salito a bordo dalla portiera anteriore destra, anziché dietro come solitamente avviene e a maggior ragione come si dovrebbe fare in piena emergenza sanitaria per rispettare la distanza di sicurezza, per poi scendere dopo pochi istanti.

Insospettiti, i militari si sono subito avvicinati e hanno bloccato tassista e “cliente” e da una rapida verifica, hanno accertato che il 39enne aveva appena ceduto 4 dosi di cocaina al 33enne per 200 euro. La successiva perquisizione effettuata presso il domicilio dell’autista ha permesso ai carabinieri di rinvenire e sequestrare altri 65 involucri di cocaina, circa 29mila euro in contanti e tutto il materiale utile per il confezionamento delle dosi. Per entrambi è scattato l’arresto. Contestualmente, entrambi sono stati sanzionati per aver violato le prescrizioni del Governo in materia di emergenza sanitaria.

Fonte: Ansa.