Roma, tentano di stuprare una connazionale dodicenne: arrestati tre romeni

Pubblicato il 18 agosto 2010 16:35 | Ultimo aggiornamento: 18 agosto 2010 16:40

Una ragazzina romena di 12 anni stava per essere violentata da tre giovani connazionali di 20, 21 e 30 anni ma è stata salvata dall’intervento dei suoi genitori e dei carabinieri e della polizia. I tre sono stati arrestati con l’accusa di violenza sessuale aggravata.

Il fatto è accaduto all’interno di un immobile abbandonato e occupato abusivamente da alcune famiglie romene, in piazzale della Stazione Tuscolana. I tre, appena hanno visto che i genitori della ragazzina stavano uscendo, si sono avventati sulla giovane vittima per trascinarla in un angolo e cercare di violentarla.

Ma le grida della ragazzina, che cercava con ogni mezzo di divincolarsi dalla loro presa, sono state avvertite dai familiari usciti dalla palazzina solo pochi istanti prima. I familiari sono rientrati subito e hanno ingaggiato una colluttazione con i tre romeni.

Il ventenne, tra l’altro, ha ferito alle mani la madre della vittima. Intanto sono arrivati sul posto carabinieri e polizia allertati dalle rispettive centrali operative. I tre per evitare l’arresto si sono feriti alle mani che sono poi state giudicate guaribili in cinque giorni dai medici dell’ospedale San Giovanni Addolorata dove sono stati portati in stato di arresto prima di essere condotti a Regina Coeli.