Roncade: rapinatori del bancomat chiedevano aiuto tra le lamiere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Gennaio 2015 8:46 | Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio 2015 8:46
Roncade: rapinatori del bancomat chiedevano aiuto tra le lamiere

Roncade: rapinatori del bancomat chiedevano aiuto tra le lamiere (foto Ansa)

RONCADE (TREVISO) – Hanno implorato aiuto dopo essersi schiantati con l’auto: i rapinatori del bancomat di Roncade, gli autori del colpo da Far West, gridavano dalle lamiere dell’auto. Almeno i sopravvissuti (due), visto che due di loro sono morti. Il Gazzettino riporta i loro nomi:

le vittime erano Giancarlo Garbin, 35 anni di Crocetta del Montello, e Romeo Dell’Innocenti, 45 anni, trevigiano. I due feriti invece Johnny Pevarello, 33 anni di Castelfranco, e Elvis Innocenti, 34 anni di Oderzo. Nomi che si rincorrono nelle cronache dell’ultimo decennio dove si parla di furti, rapine e anche di nuova Mala del Brenta.

Paolo Calia e Mauro Favaro ricostruiscono le fasi salienti della vicenda:

«Aiutateci, vi prego, a uscire da qui». Sono le prime parole che i ladri hanno rivolto agli abitanti corsi a soccorrerli subito dopo il terribile incidente di ieri notte. Un’implorazione scandita con un filo di voce in particolare da uno di loro che, insieme a un compagno, è riuscito successivamente a tirarsi fuori da solo dal groviglio di lamiere dell’auto finita accartocciata nel fossato di via Bassa Trevigiana, in località Canton a Silea, appena dopo il bivio con via Belvedere. Gli altri due, invece, sono rimasti immobili. Probabilmente già morti sul colpo.

Foto Ansa