Rosario Collura muore per una zecca. Ospedale di Palermo l’aveva dimesso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Agosto 2014 20:30 | Ultimo aggiornamento: 14 Agosto 2014 20:31
Rosario Collura muore per una zecca. Ospedale di Palermo l'aveva dimesso

Rosario Collura muore per una zecca. Ospedale di Palermo l’aveva dimesso

PALERMO – Per due volte era andato in ospedale, al Buccheri La Ferla di Palermo. Per due volte i medici lo avevano rimandato a casa, dicendo che si trattava solo di “un po’ di febbre che doveva sfogare”, riferisce Romina Marceca su Repubblica Palermo. Ma per quella febbre a 40 Rosario Collura è morta. A causarla era stata la puntura di una zecca. 

“Al pronto soccorso — raccontano i parenti — avevamo segnalato che mio padre aveva una macchia rossastra sul braccio e che sospettava una puntura d’insetto, ma infermieri e medici ci ripetevano che bastava una Tachipirina per riprendersi. Dopo qualche ora gli sono anche spuntate alcune macchie violacee in tutto il corpo, ma nessuno ci ha ascoltati”.

Collura, pensionato delle Ferrovie dello Stato di 64 anni, è morto dopo cinque giorni di agonia, portato al Policlinico quando ormai non c’era più nulla da fare.

Ora i parenti hanno sporto denuncia contro l’ospedale, che ha avviato un’indagine interna. Marceca su Repubblica riporta una nota dell’ospedale:

“Da una prima verifica, è emerso che il nostro personale di Pronto Soccorso in relazione alla sintomatologia rilevata e a quanto riferito dal paziente e dai familiari ha effettuato un accurato esame obiettivo e ha richiesto gli esami di laboratorio e radiologici ritenuti opportuni. Gli stessi sono risultati negativi. Successivamente, dopo avere praticato terapia medica e dopo un’attenta valutazione dello stato clinico, supportati dall’esito degli esami strumentali eseguiti, ha ritenuto il paziente dimissibile. Restiamo in attesa dei risultati delle indagini dell’autorità competente”.