Rovigo: domiciliari a maestra elementare per maltrattamenti ad alunni

Pubblicato il 9 Febbraio 2012 13:42 | Ultimo aggiornamento: 9 Febbraio 2012 14:32

ROVIGO – In classe per due anni, dal 2009 al 2011, prima di essere trasferita in un'altra scuola elementare nel rodigino, avrebbe usato in metodi violenti, arrivando a prendere a calci gli alunni che non seguivano le sue 'regole' educative. E' un'accusa pesante quella che ha portato agli arresti domiciliari una insegnante di 48 anni, S.F., al termine delle indagini condotte dalla squadra mobile della Questura di Rovigo.

Nei due passati anni scolastici, in una classe di una scuola di Bagnolo di Po, la maestra avrebbe intimorito, schiaffeggiato, a volte picchiato, gli scolari che dopo tornavano a casa intimoriti. Sono state proprio alcune confidenze giunte agli investigatori che hanno portato gli agenti ad approfondire con i genitori il comportamento dei figli una volta tornati tra le mura domestiche, a cercare di capire se le 'voci' di metodi educativi un po' troppo sopra le righe avevano fondamento.

Una indagine difficile, come e' stato ricordato dagli stessi investigatori, che ha richiesto l'audizione protetta di una quindicina di alunni. Dal loro racconto le 'confidenze' avrebbero trovato ulteriore sostanza. Tanto che il Gip di Rovigo, Carlo Negri, ha firmato una ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per la maestra. Provvedimento eseguito dalla mobile, coordinata da Bruno Zito.