Salgareda, morto a 14 anni davanti al fratellino: le ipotesi del decesso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 febbraio 2018 20:06 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2018 20:06
salgareda morto 14 anni

Salgareda, morto a 14 anni davanti al fratellino: le ipotesi del decesso

ROMA – La morte di Pierpaolo Perissinotto, 14 anni, in un appartamento di Salgareda, in provincia di Treviso, è avvenuta senza testimoni. O meglio. Davanti agli occhi del fratellastro, 10 anni, ma che soffre di una patologia che gli impedisce di ricostruire gli avvenimenti.

Pochi minuti prima la madre, Sabrina Cimitan, era uscita per una commissione. Aveva chiesto a Pierpaolo di controllare il fratello minore. Poco dopo le urla strazianti. E i vicini hanno telefonato alla madre che è accorsa, trovandosi di fronte, disteso sul pavimento, il corpo ormai senza vita del figlio, con a fianco il fratellino singhiozzante e terrorizzato. Sulla tempia del 14enne – filtra dagli inquirenti – una ferita lacero contusa. Per terra una piccola chiazza di sangue. Potrebbe essere la causa della morte.

Secondo gli investigatori l’ipotesi più verosimile è che Pierpaolo abbia avuto un malore e che sia crollato a terra, battendo la testa sul pavimento o contro lo spigolo del tavolo, morendo sul colpo. Poi le urla strazianti del fratellino che hanno terrorizzato i vicini e fatto accorrere la madre. La terza ipotesi è che i due fratellini stessero giocando e che per cause da chiarire si siano spintonati: Pierpaolo sarebbe inciampato, battendo il capo. Infine c’è anche un quarto scenario: Pierpaolo, durante il gioco, potrebbe essere stato inavvertitamente colpito da fratellino, cadendo a terra privo di vita.