Salvatore Mannino, ritrovato in Scozia: non riconosce i parenti e non parla più italiano

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 19 ottobre 2018 9:10 | Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2018 9:18
Salvatore Mannino trovato Scozia: non parla italiano né riconosce famiglia

Salvatore Mannino, ritrovato in Scozia: non riconosce i parenti e non parla più italiano

PISA – Salvatore Mannino è scomparso da Pisa lasciando un biglietto con un messaggio cifrato. “Perdonami, scusa”, questa la frase decodificata. Ora Salvatore è stato ritrovato, ma in Scozia. E nell’ospedale di Edimburgo in cui si trova ha perso la memoria. Non solo non riconosce più i suoi parenti, accorsi da Lajatico, ma non parla più nemmeno italiano.

Mannino è un imprenditore di  52 anni di cui si sono perse le notizie dal 20 settembre dopo aver accompagnato uno dei figli a scuola. Poi il 21 settembre la sua auto è stata trovata in una strada di Pontedera. In casa una borsa trovata la moglie con dentro 10300 euro e un messaggio cifrato, che tradotto in lettere componeva il messaggio “Perdonami, scusa”. Poi non si è saputo nulla fino al 17 ottobre, quando la trasmissione Chi l’ha visto? ne ha annunciato il ritrovamento in Scozia.

L’imprenditore è stato trovato in stato confusionale mentre era in terra nella cattedrale di Sant’Egidio a Edimburgo e portato in ospedale. Mannino era sprovvisto di documenti e ci sono voluti giorni prima che le autorità scozzesi lo identificassero, dato che ha anche perso la memoria. 

L’uomo per i medici rappresenta un caso clinico di non facile soluzione. I dottori non sono riusciti a stabilire il motivo della perdita di memoria e all’arrivo dei suoi familiari, Mannino non li ha riconosciuti. L’imprenditore inoltre non parla più l’italiano, ma solo un inglese che è stato definito “scolastico”.