Melania Rea, permesso premio al marito Salvatore Parolisi dopo 9 anni di carcere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Giugno 2020 12:19 | Ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2020 12:19
Salvatore Parolisi esce dal carcere con un permesso premio

Salvatore Parolisi esce dal carcere con un permesso premio (Foto archivio ANSA)

ROMA – Salvatore Parolisi, condannato per l’omicidio della moglie Melania Rea, ha ottenuto un permesso premio dopo 9 anni di carcere.

Parolisi, ex caporal maggiore dell’Esercito, è stato condannato a 20 anni di carcere dai giudici della Cassazione.

L’ex caporal maggiore era stato condannato all’ergastolo in primo grado per l’omicidio della moglie Melania, 29enne al momento del delitto.

In Appello, Parolisi era stato condannato a 30 anni di carcere.

Poi la Cassazione ha ridotto a 20 anni la condanna, eliminando l’aggravante della crudeltà.

Ora Parolisi ha ottenuto il suo primo permesso premio, dopo aver scontato quasi la metà della pena in carcere.

Il fratello di Melania ha dichiarato che Parolisi non potrà vedere la figlia, che all’epoca del fatto aveva solo 18 mesi.

Dopo la condanna, la bambina è stata affidata ai nonni materni.

Omicidio Melania Rea, dal ritrovamento alla condanna di Salvatore Parolisi

Melania Rea scomparve sul Colle San Marco di Ascoli Piceno, dove era andata a trascorrere qualche ora in un bosco con la figlia di 18 mesi e il marito.

Parolisi dichiarò che Melania si era allontanata per andare in bagno allo chalet e non era più tornata.

Fu proprio l’ex caporal maggiore dell’esercito a denunciarne la scomparsa e far iniziare le ricerche.

La donna, 29 anni, fu trovata morta in un bosco della provincia di Teramo, in Abruzzo, nell’aprile 2011.

Secondo la ricostruzione dei giudici, Salvatore Parolisi uccise la moglie al culmine di un litigio per la sua “conclamata infedeltà coniugale” in una esplosione d’ira. (Fonte: Repubblica)