Salvo Riina via dal Veneto, trasferito nel carcere di Vasto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 novembre 2017 6:55 | Ultimo aggiornamento: 28 novembre 2017 22:20
salvo-riina

Salvo Riina

PADOVA – Stop alla libertà vigilata a Padova per Giuseppe Salvatore Riina. L’informativa della Dda di Venezia, che ha documentato come il quarantenne corleonese facesse vita tutt’altro che ristretta nella città euganea, tra droga e contatti con i pusher, ha convinto il Tribunale di Sorveglianza a revocare la misura per il terzogenito del ‘Capo dei Capi’, disponendo per lui un anno in colonia di lavoro, fuori dal Veneto.

Riina jr, nella serata di ieri, 28 novembre, ha lasciato Padova, scortato dalla Polizia, per raggiungere il carcere di Vasto (Chieti), dove dovrà trascorrere un anno nella sezione lavoro. Il figlio terzogenito di Totò Riina è stato prelevato nel pomeriggio dalla sua casa, nel quartiere Arcella, e portato in Questura. Da qui, dopo gli adempimenti legati alla nuova misura di sicurezza, è stato preso in consegna dagli agenti per il trasferimento nell’ istituto di pena abruzzese.

Secondo le indagini e le intercettazioni della Dda e della squadra mobile di Venezia – agli atti i tabulati di 279 telefonate con gli spacciatori – Salvo Riina avrebbe violato sistematicamente il regime di libertà vigilata, mostrando “un palese disinteresse” per le prescrizioni impostegli dopo aver scontato otto anni e dieci mesi per associazione mafiosa. Gli investigatori avrebbero documentato decine di cessioni di cocaina di spacciatori tunisini al figlio dell’ex Capo di Cosa Nostra, alcune avvenute anche in piena notte.

Riina jr era stato pedinato per circa un anno dagli investigatori, che avevano potuto documentarne i frequenti contatti con spacciatori e pregiudicati. Alla fine la relazione della Polizia non ha lasciato dubbi al Tribunale sulla “pericolosità sociale” del figlio di Totò ‘U’ curtu’. Il giudice Linda Arata ha accolto in parte le richieste della Procura di Padova, che aveva sollecitato per Salvuccio una misura di tre anni in casa di lavoro. L’avvocato difensore, Francesca Casarotto, aveva domandato invece che venisse semplicemente prolungata la libertà vigilata. Riina junior si trova a Padova dal 2012, sottoposto ad un regime di sicurezza che lo obbliga a vivere in città restando in casa dalle 22 alle 6 del mattino, e a svolgere attività di volontariato.

Il Tribunale di Sorveglianza si è occupato di lui già all’inizio di ottobre, accogliendo – dopo averla respinta una prima volta a giugno – la richiesta di poter incontrare il padre Toto’, malato, in carcere a Parma, dove il boss era poi deceduto il 17 novembre.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other