San Pietro in Bevagna, ritrovati in mare i Sarcofagi del Re: risalgono al III secolo d.C.

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Giugno 2019 14:01 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2019 14:01
San Pietro in Bevagna Sarcofagi

San Pietro in Bevagna, ritrovati in mare i Sarcofagi del Re: risalgono al III secolo d.C.

ROMA – Sul fondale salentino è apparso un vero e proprio tesoro inabissato. Si tratta di sarcofagi romani di grande valore archeologico che risalgono al terzo secolo dopo Cristo. I Sarcofagi del Re sono ventitré grandi blocchi di marmo grezzo, e si trovano da oltre 1.500 anni sui fondali marini di San Pietro in Bevagna, in provincia di Taranto. 

I sarcofagi, che venivano usati per custodire le spoglie di uomini romani importanti, si sarebbero inabissati durante il trasporto in mare verso Roma. Nonostante le grandi dimensioni, il loro peso varia da una a sei tonnellate, questi sarcofagi non sono sempre visibili poiché risultano spesso ricoperti dalla sabbia.

A trovare il punto esatto è stato Cosimo Trono, fotografo professionista. “A spiegarmi il posto è stato un vecchio pescatore del posto ma sono dovuto tornare più volte per riuscire a vederli e immortalarli grazie all’uso del drone”.