San Polo d’Enza: 17enne lancia bomba carta contro casa della ex che non gli parla più

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 aprile 2018 13:51 | Ultimo aggiornamento: 15 aprile 2018 13:51
San Polo d'Enza (Reggio Emilia): 17enne lancia bomba carta contro casa della ex che non gli parla più

San Polo d’Enza: 17enne lancia bomba carta contro casa della ex che non gli parla più (foto d’archivio Ansa)

REGGIO EMILIA – Ha tirato una bomba carta contro la casa della ex che non voleva più vederlo.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Un 17enne voleva a tutti i costi un confronto con l’ex ragazza per chiarire aspetti della loro relazione e pur di ottenerlo non ha esitato a inviarle messaggi minacciosi fino ad arrivare a far esplodere una bomba carta sul balcone della sua abitazione.

Protagonista della vicenda – stando alle indagini condotte dai Carabinieri di San Polo d’Enza, vicino Reggio Emilia – un 17enne ex fidanzato della vittima che, da ieri, si trova in una comunità in seguito alla decisione presa dal Tribunale per i minorenni di Bologna accogliendo le richieste della Procura della Repubblica presso lo stesso Tribunale.

Il giovane è accusato di atti persecutori aggravati alla luce delle minacce e delle molestie compiute nei confronti di una 20enne reggiana – con la quale ha avuto una relazione affettiva durata due anni e conclusa lo scorso febbraio – cui si aggiungono le accuse di esplosioni pericolose e danneggiamento aggravato legate alla deflagrazione di una bomba carta tirata contro la casa della ex la notte dello scorso 9 aprile.

Il lancio dell’ordigno sul balcone dell’appartamento della 20enne – cui le minacce hanno cagionato un grave stato d’ansia e paura per la propria incolumità e dei suoi familiari – ha danneggiato due armadietti e il telaio dell’infisso esterno della finestra. Le indagini dei Carabinieri di San Polo d’Enza hanno condotto al 17enne, ora in comunità, a cui la ex fidanzata – che aveva bloccato il suo profilo Whatsapp – non rispondeva più al telefono. La sera prima dell’attentato il minore con una altra utenza era riuscito a mandare un messaggio alla ragazza quasi ‘preannunciando’ cosa poi è accaduto la sera del 9 aprile dicendo “?..rispondimi altrimenti prende il sopravvento la rabbia che ho dentro??”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other