Sana Cheema, pachistana a Brescia, sgozzata dal padre e dal fratello: voleva sposare un italiano

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 aprile 2018 11:12 | Ultimo aggiornamento: 21 aprile 2018 12:07
Sana Cheema, pachistana a Brescia, sgozzata dal padre e dal fratello: voleva sposare un italiano

Sana Cheema, pachistana a Brescia, sgozzata dal padre e dal fratello: voleva sposare un italiano (Foto Instagram)

BRESCIA  –  Sgozzata dal padre e dal fratello perché si opponeva al matrimonio combinato, volendo sposare un italiano. E’ morta così Sana Cheema, 25 anni, italiana di origini pachistane.

La giovane donna, che viveva da anni a Brescia dove lavorava come assistente in una scuola guida, due mesi fa era tornata in Pakistan per fare visita ai parenti. Ma qui ha trovato la morte.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Secondo quanto riferisce Il Giornale di Brescia, infatti, Sana è stata uccisa dal padre e dal fratello per essersi opposta al matrimonio combinato. Secondo loro aveva macchiato l’onore della sua famiglia, e per questo meritava la morte. Lei, infatti, voleva sposare un italiano, ma i suoi non lo accettavano. E l’hanno sgozzata. L’omicidio è avvenuto nel distretto pakistano di Gujarat, dove la giovane era nata.

Il suo caso ricorda quello di Hina Saleem, ragazza pachistana di 19 anni uccisa nell’agosto del 2006 dal padre e dai cognati e poi sepolta nel giardino di casa, a Ponte Zanano (Brescia). Come Sana, Hina aveva deciso di vivere all’occidentale e si era innamorata di un ragazzo italiano.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other