Sanità: arrestato a San Marino Daniele Tommolillo, truffatore ricercato

Pubblicato il 8 Ottobre 2009 0:22 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2009 0:22

Daniele Tommolillo, 21 anni, che risulta implicato in un giro volto alla falsificazione di ricette mediche, è stato bloccato oggi pomeriggio a San Marino dalla locale Gendarmeria.

Era ricercato dalla Direzione distrettuale antimafia campana, dalla quale, un paio di settimane fa, è partita la comunicazione della richiesta di estradizione. Era in Campania, all’alba del 16 settembre scorso, quando i Nas hanno arrestato 25 persone, coinvolte nel giro: 47 gli indagati.

Tra loro farmacisti e medici, accusati di associazione a delinquere, contraffazione di pubblici sigilli, falsità ideologica, ricettazione, corruzione e truffa ai danni del servizio sanitario nazionale per un ammontare di oltre due milioni di euro nel biennio 2006/2007.

Le indagini hanno fatto luce su un’organizzazione costituita da ricettatori, medici di famiglia, farmacisti e faccendieri vari, che rubavano ricette in bianco da studi medici nelle province di Napoli e Caserta per poi compilarle con prescrizioni di medicinali costosi, usando, in base a quello che hanno rilevato i Nas, “dati anagrafici di ignari pazienti e firme di inconsapevoli medici”.

I farmaci così procurati venivano poi venduti sul mercato parallelo internazionale attraverso ditte inglesi. Dalle indagini è emerso anche il coinvolgimento di alcuni medici di base, di farmacisti compiacenti e di un informatore medico-scientifico, che provvedevano, dietro pagamento, ad emettere ricette mediche false per la successiva illecita acquisizione di farmaci, per lo più ad alto costo.

Tra questi: farmaci oncologici, per l’insufficienza cardiaca, per il trattamento dell’asma. La richiesta di estradizione per Tommolillo, arrivata al tribunale di San Marino a metà settembre, era stata ritenuta incompleta, per cui si sono dovute attendere altre due settimane per il completamento delle pratiche. Queste sono arrivate proprio oggi al magistrato inquirente Alberto Buriani che, nel pomeriggio, ha emesso il provvedimento di cattura.