Sanremo/ Dieci ore in coma sul pianerottolo:credevano fosse ubriaco

Pubblicato il 9 maggio 2009 10:59 | Ultimo aggiornamento: 9 maggio 2009 10:59

Credevano fosse ubriaco, invece stava morendo dissanguato, steso sul pianerottolo di casa, al terzo piano di una vecchia casa del centro storico di Sanremo, a poche decine di metri dal Casinò. L’uomo, un quarantasettenne, panettiere, è morto in nottata all’Ospedale di Santa Corona. I suoi coinquilini ne hanno scavalcato il corpo per dieci ore, senza guardarlo, facendosi i fatti loro.

Hanno scambiato il sangue per vino e se ne sono stati alla larga fino a quando la sua ex compagna, preoccupata della sua sorte, lo ha trovato esanime nella stessa posizione nella quale era caduto. Un altro caso di disumanità assoluta, come quando sulla spiaggia di Trieste i bagnanti continuarano imperterriti a fare il bagno e a prendere il sole vicino a un uomo appena annegato e coperto da un telo bianco.