Sanremo, incendio in classe durante gli esami di maturità

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 giugno 2018 12:11 | Ultimo aggiornamento: 29 giugno 2018 12:11
Sanremo, incendio in classe durante gli esami di maturità

Sanremo, incendio in classe durante gli esami di maturità

SANREMO (IMPERIA) – Incendio durante gli esami di maturità all’istituto di istruzione superiore Ruffini-Aicardi di Sanremo, in provincia di Imperia. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] L’emergenza è scattata giovedì mattina, 28 giugno, intorno alle 10, proprio mentre si stavano svolgendo gli orali, che sono subito stati sospesi.

“Abbiamo sentito suonare l’allarme antincendio, ci siamo affacciati nel corridoio e c’era tutto quel fumo. Ho preso l’estintore, sono entrato in quella classe e ho spento le fiamme”, ha raccontato a La Stampa Giuseppe Arnaldi, bidello della scuola di corso Cavallotti.

Le fiamme si sono sviluppate in una classe vuota in cui erano accatastati scatoloni di libri per permettere di imbiancare. Le fiamme sono state domate in pochi secondi ma l’istituto, che si trova al secondo piano di un antico edificio, è stato subito evacuato, come pure la scuola media Pascoli che si trova ai piani inferiori.

Subito è stato chiamato il 112 ed è arrivata anche la polizia scientifica per i rilievi del caso, dal momento che l’incendio è molto probabilmente doloso.

Molta paura ma per fortuna nessun danno: già un’ora dopo i ragazzi di due classi del Turistico e di Agraria hanno potuto riprendere i colloqui di maturità, mentre i collaboratori scolastici cercavano di ripulire l’aula dove l’incendio si è sviluppato.

Gli unici dati certi, al momento, sono pochi, spiega il quotidiano piemontese:

Ciò che si sa è che qualcuno è entrato nella scuola, è salito indisturbato fino al secondo piano, è entrato in quella classe – nella quale c’erano scatoloni di libri accatastati sui banchi sistemati al centro perchè devono partire dei lavori di tinteggiatura delle pareti – ha messo alcuni di quei libri su un banco assieme ad una carta geografica plastificata dell’Europa, che era arrotolata in un angolo della stanza, e ha dato fuoco.

Nessuno ha visto nulla, e l’unica telecamera dell’istituto, all’ingresso al piano terra, non è collegata ad un impianto di registrazione, per cui è inservibile. Per gli investigatori della polizia “è una ragazzata, magari qualcuno che si trovava già in quel corridoio per assistere a un esame”. Ma le indagini vanno avanti.