Sansepolcro, sparò a due amici scambiandoli per carabinieri: rischia processo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Settembre 2019 23:26 | Ultimo aggiornamento: 4 Settembre 2019 1:01
Sansepolcro spara contro amici

Foto archivio ANSA

AREZZO – Ha sparato contro due amici scambiandoli per i carabinieri che dovevano notificargli il ritiro della patente. I fatti risalgono allo scorso 29 maggio e per questo motivo un uomo di 44 anni di Sansepolcro, in provincia di Arezzo, rischia di essere rinviato a giudizio per tentato omicidio e sequestro di persona.

Il 3 settembre il pm Marco Dioni ha inviato l’avviso di chiusura indagini, atto che potrebbe portare a un processo. Secondo quanto emerso nelle indagini l’uomo, dopo aver sparato due colpi a vuoto, mirando però in direzione delle persone che si trovavano nel cortile di casa sua, le avrebbe poi costrette, sotto la minaccia di un fucile, a entrare in casa trattenendole per un’ora contro la loro volontà.

In un caso avrebbe appoggiato la canna sulla pancia di uno dei due amici accusandolo di averlo fotografato mentre era al volante e di aver mandato la foto ai carabinieri. Tuttavia subito dopo ci fu l’intervento dei carabinieri e una lunga trattativa telefonica attraverso la quale il maresciallo della stazione di Monterchi lo fece desistere dal proseguire l’azione. (Fonte ANSA)