Santarcangelo di Romagna, esalazione di cloro in piscina: venti persone intossicate, molti bambini

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Agosto 2019 14:52 | Ultimo aggiornamento: 7 Agosto 2019 14:52
Santarcangelo di Romagna, esalazione di cloro: venti persone intossicate in piscina, molti bambini

Una piscina (foto ANSA)

RIMINI – Almeno venti persone di cui una quindicina di bambini e cinque disabili sono state intossicate da esalazioni di cloro dopo aver fatto il bagno in una piscina privata a Santarcangelo di Romagna, in provincia di Rimini. È successo questa mattina, 7 agosto, verso le 11, quando l’allarme presso una struttura che si trova in via Giovanni Falcone, è stato dato a 118 e vigili del fuoco di Rimini. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Santarcangelo.

Stando ai primi accertamenti, l’intossicazione è stata causata da una cattiva miscelazione del cloro per l’acqua della piscina. Probabilmente per un mal funzionamento del macchinario che in automatico miscela la sostanza per disinfettare l’acqua. Al momento in 20 sono finiti in ospedale: nove persone sono state ricoverate all’ospedale di Rimini, sei a Cesena e cinque a Santarcangelo.

Cos’è l’intossicazione da cloro

I sintomi respiratori comprendono difficoltà di respirazione e formazione di liquido nei polmoni. Quelli all’apparato digerente comprendono bruciore in bocca, gonfiore della gola, mal di gola, mal di stomaco, vomito e sangue nelle feci. L’esposizione alla sostanza può danneggiare anche il sistema circolatorio. I sintomi possono comprendere alterazioni dei livelli di acido nel sangue. L’esposizione al cloro può anche provocare pressione bassa. Inoltre il cloro può danneggiare seriamente gli occhi e causare bruciore e irritazione. 

(fonte ANSA)