Santo Stefano, zona rossa in tutta Italia. Cosa si può fare, quali i negozi aperti. Scarica autocertificazione

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 Dicembre 2020 9:48 | Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre 2020 18:14
Italia in zona arancione sabato 9 e domenica 10 gennaio: cosa si può fare e cosa vietato

Zona arancione 9-10 gennaio, cosa si potrà fare e cosa no (foto d’archivio Ansa)

Oggi è Santo Stefano e l’Italia intera è nel suo terzo giorno di zona rossa.

Il Governo Conte, con il Decreto legge 172/2020, ha imposto su tutto il territorio nazionale le stesse regole per impedire la risalita dei contagi da coronavirus che porterebbe inevitabilmente ad una terza ondata. Per muoversi serve avere con sé l‘autocertificazione (scarica in fondo all’articolo il pdf).

Santo Stefano, cosa si può fare

Anche oggi sarà possibile muoversi per ragioni di lavoro, salute o estrema necessità, fare una passeggiata da soli o recarsi a casa di un parente o di un amico per una visita in due persone più gli under 14 e le persone non autosufficienti.

Queste regole valgono fino a domani, domenica 27 dicembre. A partire dal 28 varranno invece quelle della zona arancione: negozi aperti tranne ristoranti e bar.

Nel giorno della vigilia di Natale sono state controllate 81.885. Il 24 è il primo dei dieci giorni rossi previsti dal decreto del 18 dicembre: le sanzioni sono scattate per 826 persone , ovvero l’1,01% dei controllati.

In 7 sono stati denunciati per aver violato la quarantena. Per quanto riguarda gli esercizi commerciali ne sono stati controllati 13.771 con 14 chiusure.

Zona rossa, quali negozi sono aperti

Nella zona rossa sono aperti  supermercati, edicole, tabaccherie, esercizi di beni alimentari e di prima necessità, farmacie e parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri.

Tra questi negozi però, molti potrebbero essere chiusi dato che si tratta comunque di un giorno festivo.

Tutti gli altri tipi di negozi sono invece chiusi, compresi i centri commerciali, i bar e i ristoranti che però possono fare l’asporto e la consegna a domicilio.

Permessi gli spostamenti per ragioni di lavoro, salute, estrema urgenza e necessità. E’ consentita inoltre, dalle ore 5 alle ore 22, la visita ai parenti o agli amici al massimo per due persone. Nel conto non rientrano under 14 e persone con disabilità.

Permessi anche gli spostamenti fuori comune o regione per dare assistenza a persone non autosufficienti dal 21 al 6 gennaio.

In questo caso non è possibile spostarsi in numero superiore alle persone strettamente necessarie a fornire l’assistenza necessaria: in questi casi non è consentito lo spostamento di più di un parente adulto, eventualmente accompagnato dai minori o disabili che abitualmente egli già assiste.

Le famiglie che si spostano nelle seconde case possono viaggiare in una macchina. Se una coppia fa visita a parenti e amici nella seconda casa può fermarsi a dormire.

All’interno delle case non possono esserci divieti, soltanto raccomandazioni. Restano consentiti gli incontri tra i coniugi e i partner che vivono separati per motivi di lavoro. E sono consentiti anche gli spostamenti dei genitori separati, che possono andare a trovare i figli anche in un’altra regione o all’estero.

Autocertificazione Natale 2020: modulo Pdf del Ministero da stampare

Autocertificazione Natale 2020: il modulo PDF del ministero da scaricare e stampare

Dl Natale: PDF decreto testo completo da scaricare e stampare

Decreto Natale: PDF col testo completo del Decreto Natale da scaricare e stampare