Sara Luciani trovata nel canale dopo il suicidio di Manuel Buzzini. L’autopsia rivela: “Non è morta annegata”

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 giugno 2018 17:25 | Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2018 17:25
Sara Luciani trovata nel canale dopo il suicidio di Manuel Buzzini. L'autopsia rivela: "Non è morta annegata"

Sara Luciani trovata nel canale dopo il suicidio di Manuel Buzzini. L’autopsia rivela: “Non è morta annegata”

ROMA – Non è annegata Sara Luciani, la giovane di 21 anni trovata morta nel canale Muzza. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Sara era scomparsa da Melzo (Milano) la sera di venerdì 8 giugno, dopo essere uscita in macchina col fidanzato Manuel Buzzini, di 31 anni, che poche ore dopo è stato trovato impiccato nel cortile di casa della nonna.

Sul corpo della ragazza, trovato solo due giorni fa, è stata eseguita l‘autopsia che al momento non ha chiarito tutti i dubbi. L’unico dato certo è che Sara non è morta per annegamento ma presumibilmente prima di finire in acqua. Si attendono ora i risultati degli esami tossicologici oltre a quelli di ulteriori accertamenti che potrebbero svelare l’esatta causa del decesso.

Il cadavere della giovane non presentava segni evidenti di traumi da armi o da strangolamento. L’ipotesi più accreditata è che Manuel Buzzini abbia ucciso la fidanzata e abbia poi spinto la propria auto con lei dentro nel canale. Ma resta il mistero sulla vettura che non è stata ancora ritrovata.

Un amico della coppia nei giorni scorsi ha raccontato agli investigatori di aver trascorso parte della serata assieme ai due e di aver consumato cocaina con Buzzini, ma di averli salutati prima che la tragedia si compiesse.